LinkedIn per le aziende: convincere con la propria professionalità

La rete di LinkedIn è stata pensata in primo luogo per il mondo del lavoro: sul network siete in grado di trovare nuovi contatti oppure potete prendervi cura di quelli che avete già. Al contrario di Facebook e di altri social network, LinkedIn dà la massima importanza non tanto alle conversazioni personali degli utenti, quanto più alle loro relazioni professionali. Per questo motivo il servizio web risulta interessante in particolar modo per il B2B.

In questo articolo vi spieghiamo cosa effettivamente caratterizza LinkedIn, come configurare un account e come sfruttare la piattaforma a favore della vostra azienda.

Cos’è LinkedIn?

Il social network è presente sul mercato dal 2002 ed è destinato a un pubblico che i giganti del settore dei social media non riescono a raggiungere. Nonostante i suoi ormai più di 500 milioni di utenti iscritti, il servizio web internazionale registra un numero di visitatori ampiamente più basso rispetto ai suoi concorrenti, tuttavia va ricordato che LinkedIn si concentra su un target molto più ristretto, che significa una minore dispersione per gli inserzionisti. Dal 2016 la società statunitense fa parte di Microsoft, che ha acquisito la rete per oltre 26 miliardi di dollari.

Invece della cura dei contatti personali, LinkedIn si occupa di networking aziendale. L'elemento più importante e completo del profilo utente di LinkedIn è certamente il curriculum vitae. Pertanto il servizio online è spesso utilizzato come piattaforma di reclutamento o di offerte di lavoro. Molte delle funzioni ricordano altri social network, altre invece sono indirizzate all'orientamento professionale:

  • Profilo
    Il profilo personale di LinkedIn ha una struttura che si rifà a quella di un curriculum vitae, e in quanto tale svolge anche la funzione di vetrina. Proprio per questo potete anche scegliere di arricchirlo con uno o più elementi multimediali. Una caratteristica speciale di LinkedIn è la conferma delle competenze personali da parte di altre persone. Colleghi e amici possono infatti riconoscervi le qualità indicate sul vostro profilo personale al fine di dare più credibilità a quanto da voi dichiarato.
  • Rete
    Come su qualsiasi piattaforma di social media, anche su LinkedIn è possibile connettersi con altri utenti. A questo scopo LinkedIn vi suggerisce possibili contatti del vostro ambiente di lavoro al momento della creazione del profilo. Inoltre la piattaforma può accedere alla rubrica del vostro servizio di posta elettronica e controllare quale dei vostri contatti è già registrato su LinkedIn. Ma questa è solo un’opzione: se non volete rivelare i vostri contatti e-mail, potete saltare questo passaggio.
  • Messaggi
    Per poter comunicare in qualsiasi momento con i vostri contatti, la rete dispone di un proprio servizio di notizie. Questa funzione è offerta da quasi tutti i social network, tuttavia la feature utile di LinkedIn è che gli utenti sono anche in grado di allegare immagini e altri file ai loro messaggi.
  • Offerte di lavoro
    Molte aziende utilizzano il networking per il reclutamento e lo fanno anche su LinkedIn: è per questo che la piattaforma ha creato una propria area apposita. Se avete definito con precisione i vostri obiettivi di carriera, LinkedIn vi suggerirà i lavori adatti al vostro profilo. Con un profilo completo, anche i cosiddetti headhunter possono venire a conoscenza degli utenti.
  • News
    Mentre create il vostro profilo avete già la possibilità di indicare le vostre aree di interesse: LinkedIn offre un feed di notizie in cui vengono presentati gli articoli consoni agli interessi dell’utente.
  • Gruppi
    Per collegarsi con nuovi contatti è innanzitutto necessario conoscerli. I gruppi formano un buon ambiente per stabilire nuovi contatti. In questi forum di discussione tematici o specifici del settore gli utenti possono trovare nuovi contatti ma anche trarre vantaggio dall'esperienza di altri membri del gruppo o contribuire con le proprie conoscenze specialistiche.
  • Attività
    Esattamente come su Facebook, gli utenti possono scrivere i propri post. Questi sono visualizzati sul profilo personale e sui feed di notizie dei loro contatti.

Come funziona LinkedIn per le aziende?

Oltre al profilo personale, su LinkedIn gli utenti possono anche creare un profilo aziendale. Nella versione base non ci sono costi aggiuntivi per le aziende. Come azienda ci sono diversi motivi per cui ha senso essere rappresentata anche sul network per professionisti:

  • Presentazione dell'azienda
    Il profilo aziendale è il primo punto di contatto per i contatti tramite LinkedIn. Servitevi di immagini e contenuti testuali per fornire informazioni riguardo alla vostra azienda.
  • Presentazione come datore di lavoro
    Se avete nuovi annunci di lavoro, potete pubblicarli su LinkedIn tramite il vostro profilo aziendale. In questo modo gli utenti ricevono l'annuncio di lavoro tramite il vostro profilo e il sistema interno. Inoltre con un profilo aziendale convincente è possibile attirare l'attenzione dei candidati estremamente qualificati.
  • Diffusione di contenuti
    Come imprenditore avete la possibilità di creare dei post che potete usare come articoli per inserire un collegamento al vostro blog (ad esempio sul vostro sito web) oppure, ancora meglio, per creare nuovi contenuti destinati a un target specifico. Il vostro contenuto non apparirà solamente sul vostro profilo ma anche sul feed delle notizie dei vostri follower.
  • Attivazione di pubblicità
    Come gestore di un profilo aziendale potete scegliere di promuovere del contenuto a scelta. Per via del caratteristico target B2B, LinkedIn è un canale decisamente interessante per il marketing.

Affermazione dell’identità aziendale passo dopo passo

All’interno del network professionale i profili aziendali sono praticamente una vetrina. Per questo motivo LinkedIn consente ai suoi utenti di creare profili aziendali di impatto, distribuire contenuti specifici per i target e in questo modo svolgere attività di social media marketing.

Creare e configurare il profilo aziendale

Per creare un profilo aziendale su LinkedIn necessitate per prima cosa di un profilo personale gratuito che si configura in maniera semplice e veloce. Per riuscire a creare un profilo significativo per la vostra azienda è necessario che il vostro account privato non contenga alcun contenuto personale. Tuttavia si raccomanda di avere cura di entrambi i profili: dopo tutto siete la persona di riferimento e ambasciatrice del marchio della vostra azienda. Proprio per questo motivo dovreste raggiungere un buon ranking su LinkedIn anche con il vostro profilo privato!

Dalla barra dei menu cliccate su "Prodotti" e selezionate poi "Crea una pagina aziendale". Ora dovete inserire il nome della vostra azienda e scegliere un URL, ad esempio linkedin.com/company/mia-azienda-esempio. Questo indirizzo è raggiungibile anche al di fuori del network e viene utilizzato dai motori di ricerca. Poiché l'indirizzo può essere cambiato solo con grande difficoltà e con l'aiuto degli amministratori di LinkedIn, va pensato attentamente. Chiaramente è necessario che nessun altro abbia già utilizzato l’URL. È inoltre obbligatorio confermare di essere realmente un rappresentante autorizzato dell'azienda, perché in linea di principio chiunque potrebbe creare un profilo aziendale per qualsiasi azienda.

A questo punto vi si presenterà un profilo completamente vuoto che contiene solo il nome della vostra azienda. Ma per iniziare a promuovere il vostro profilo avete per prima cosa bisogno di contenuti. Prima di tutto dovreste caricare il vostro logo aziendale. Il formato deve essere di 300 x 300 pixel, le immagini più grandi vengono automaticamente ridimensionate. Avete anche la possibilità di arricchire il vostro profilo con un’immagine di copertina (una sorta di banner di intestazione): qui dovreste scegliere una foto delle dimensioni di 1536 x 768 pixel. L'immagine si può spostare in modo che corrisponda alle proprie aspettative. Sono disponibili i formati JPEG e PNG.

Consiglio

Prima ancora di leggere le informazioni contenute sul vostro profilo, gli utenti di LinkedIn noteranno le immagini. Vi conviene quindi utilizzare solo grafiche e foto rappresentative e di alta qualità.

Ora è necessario inserire la descrizione dell'azienda: sono disponibili 2000 caratteri, di cui ne vanno utilizzati almeno 200. Descrivete dunque la vostra azienda tenendo in considerazione i seguenti aspetti:

  • In quale settore opera?
  • Quali servizi offre?
  • Quanti dipendenti lavorano per voi?
  • Dove operate attivamente?
  • Qual è la storia della vostra azienda?
  • Quali servizi speciali avete a disposizione per clienti o dipendenti?

Al momento di comporre la descrizione dell’azienda, assicuratevi di fornire prima le informazioni più importanti. Da un lato perché LinkedIn limita la visualizzazione in anteprima e solo dopo un ulteriore clic sul profilo rende visibile il testo completo, e da un altro perché l'attenzione dei lettori svanisce rapidamente, soprattutto su Internet. Pertanto dovreste progettare i vostri testi seguendo il principio della piramide invertita, secondo cui i contenuti più importanti sono posizionati per primi.

LinkedIn offre alle aziende ancora più possibilità di assunzione: con la selezione delle aree specialistiche chiarite qual è la USP (unique selling proposition) della vostra azienda e ottimizzate il profilo per i risultati di ricerca. È obbligatorio indicare il sito web, il numero approssimativo dei dipendenti, l'industria e il tipo di azienda. Potete anche introdurre fino a tre gruppi in cui siete attivi, così da indirizzare gli utenti verso ulteriori argomenti che sono importanti per voi come impresa. Inoltre LinkedIn consente alle aziende di adattare i propri profili ad altre lingue. Se il vostro mercato non si trova solo in Italia, potete anche inserire la vostra descrizione dell'azienda in altre lingue.

Per fare ciò passate alla lingua desiderata nell’apposito menu in basso a destra. Da questo riquadro è infatti possibile inserire un testo adattato al paese di destinazione. Spuntando la casella "Lingua predefinita" comunicate al sistema qual è la vostra lingua di origine. Una volta compilati tutti i campi, cliccate su "Pubblica" (nell'angolo in alto a destra della pagina) per pubblicare la pagina sulla piattaforma. Se volete sapere come si presenta il vostro profilo aziendale agli altri utenti di LinkedIn, cliccate su "Go to member view": così facendo vi verrà mostrato come appare il vostro profilo aziendale sul network.

Lavorare insieme all’identità aziendale

Non dovete preoccuparvi di mantenere aggiornato il vostro profilo aziendale da soli: LinkedIn vi offre infatti la possibilità di aggiungere degli amministratori che vi diano supporto. Per fare questo dovete già essere connessi con le persone designate tramite il profilo personale di LinkedIn. Per non dover attribuire gli stessi diritti a ciascuno di essi, è possibile assegnare ruoli diversi.

  • Amministratori designati
    Anche voi appartenete a questo gruppo in veste di fondatore del profilo aziendale. Questa tipologia di amministratori ha il permesso di pubblicare aggiornamenti relativi all’azienda e di aggiungere ulteriori admin.
  • Autori Recruiter
    I recruiter hanno la possibilità di pubblicare aggiornamenti relativi all’azienda.
  • Autori contenuti sponsorizzati
    Questo gruppo di amministratori è in grado di rendere sponsorizzato il contenuto del profilo aziendale facendo quindi in modo che diventi visibile a tutti gli utenti del servizio web.
  • Gestore Moduli per l’acquisizione di contatti 
    I membri di questo gruppo possono scaricare lead dal manager delle campagne. Questo tipo di amministratore è responsabile dell’analisi del successo.
  • Amministratori di Pipeline Builder
    Gli utenti che dispongono di questo tipo di permessi hanno la possibilità di creare speciali pagine di destinazione Pipeline Builder, grazie alle quali si possono raggiungere i target precedentemente definiti.

Inoltre tutti i dipendenti della vostra azienda che sono registrati su LinkedIn possono supportare la presenza della vostra azienda sul social network. Difatti se sui loro profili personali indicano che stanno lavorando per voi, devono assicurarsi che sia visualizzata la pagina aziendale corretta. Per fare questo i vostri collaboratori (ma naturalmente anche voi stessi) devono accettare la proposta del sistema nelle impostazioni riguardo all'esperienza professionale. I dipendenti sono quindi collegati al profilo aziendale; questa connessione fa una buona impressione sui potenziali nuovi dipendenti e partner commerciali.

Analisi del successo

Indipendentemente dalla strategia utilizzata per il marketing su LinkedIn, è necessario monitorare, misurare e analizzare le vostre attività di marketing. A tal fine il network mette a disposizione i propri strumenti. Per fare ciò selezionate la scheda "Analisi" sul profilo dell'azienda. Gli utenti LinkedIn hanno a disposizione tre prospettive di misurazione: “Visitatori”, “Aggiornamenti” e “Follower”.

Nel primo punto di analisi viene esaminato in dettaglio il traffico: a questo scopo un grafico mostra il numero generale di visitatori, ripartito per visitatori da dispositivo mobile e utenti di computer desktop. Inoltre LinkedIn fornisce alle aziende importanti dati demografici aiutando a suddividere i visitatori in base a fattori locali (paese/regione) e professionali, come la posizione lavorativa, le dimensioni dell'azienda e il settore in cui opera. Informazioni simili possono essere ottenute non solo per i visitatori delle pagine, ma anche per i loro seguaci: il numero dei vostri abbonati e le loro caratteristiche demografiche vengono visualizzati graficamente.

Nella sezione “Aggiornamenti” troverete informazioni sulla performance dei post del profilo aziendale. Con quale frequenza i vostri contenuti sono stati visti e hanno generato interazioni? I clic, le preferenze, le condivisioni e i commenti vengono visualizzati in un diagramma. È anche molto interessante vedere quanti nuovi seguaci sono stati acquisiti grazie ai post. Inoltre LinkedIn distingue tra i risultati organici e quelli sponsorizzati, vale a dire i successi ottenuti in modo naturale e quelli ottenuti grazie a misure di marketing e all'impiego di investimenti in denaro. Questo comunica a voi e al vostro team quanto bene vengono recepiti i contenuti e se il social media marketing di LinkedIn valga effettivamente la pena per la vostra azienda. Con il pulsante "Esporta il report" è possibile scaricare facilmente i dati in formato XLS per l'utilizzo offline.

Raggiungere gli utenti: il giusto approccio al cliente

LinkedIn è una piattaforma eccellente per trovare nuovi clienti, partner commerciali e dipendenti. La rete offre diverse possibilità in tal senso. Ma chi siete in grado di raggiungere su LinkedIn e come potete approcciarvi al meglio al vostro target?

LinkedIn all’interno del mix di social media

Come già accennato, LinkedIn è una rete aziendale. Non ci stancheremo di ripeterlo, perché questa premessa dovrebbe essere alla base di tutti i vostri sforzi sulla piattaforma. È vero che la maggior parte degli utenti di LinkedIn probabilmente usa anche Facebook e Twitter, ma dare per scontato che ci si possa rivolgere a loro allo stesso modo ovunque è un errore: del resto gli utenti visitano i vari social media con intenzioni molto diverse. Mentre su Facebook, Instagram o Pinterest si dà la massima importanza agli interessi privati, il comportamento degli utenti di LinkedIn è motivato esclusivamente da ragioni professionali.

Per questo motivo ci si può servire del network per scopi completamente diversi che in altri contesti di social media risulterebbero irrilevanti: il marketing B2B e il recruiting funzionano molto meglio su un network aziendale perché gli utenti non cercano intrattenimento ma piuttosto un valore professionale aggiunto. Tenete a mente questo aspetto durante la progettazione dei contenuti: è bene infatti che vi assicuriate che gli utenti possano informarsi sugli argomenti per loro rilevanti. Ad esempio puntate alla competenza e al contenuto informativo piuttosto che ai post di stampo umoristico.

Usare il tono giusto

Quanto è appena stato detto non significa tuttavia che ciò che pubblicate su LinkedIn debba per forza essere noioso. Piuttosto concentratevi sul vostro target e sulla presentazione generale del vostro marchio. In altri termini ciò significa: rimanete fedeli a voi stessi ma adattate il contenuto al contesto. Anche su LinkedIn il content marketing, lo storytelling e il social selling sono decisivi. Dovreste puntare più sulla formalità o sull'essere alla mano? Per rispondere a questo quesito è sufficiente porsi un'ulteriore domanda: di solito come vi rivolgete a partner commerciali sconosciuti e a potenziali dipendenti? Siete voi a conoscere la vostra azienda meglio di chiunque altro!

Possibilità di marketing su LinkedIn

In primo luogo su LinkedIn sono a disposizione gli aggiornamenti (quindi i post) come tool di marketing, che potete utilizzare per due tipologie di contenuto. Da un lato qui disponete di uno spazio per dare informazioni riguardo alle novità della vostra azienda, infatti proprio per questo si chiamano “aggiornamenti”: si tratta di successi aziendali, nuovi prodotti o servizi e future collaborazioni. Inoltre potete anche diffondere altro content che abbia sempre il focus sul “business”. Tenete i vostri follower informati sugli sviluppi del settore e sulle idee per l’aumento della produttività. Contenuti simili possono essere messi a disposizione anche tramite una strategia di content curation ben progettata.

Potete potenziare l’effetto della vostra strategia di content invitando i vostri dipendenti a collaborare utilizzando i loro profili personali: chiedete loro se sono interessati a diffondere i vostri contenuti o a crearne di propri, però sempre tenendo a mente che ognuno è responsabile del proprio profilo, perciò non dovreste interferire troppo. In aggiunta, oltre al profilo aziendale è possibile creare anche delle cosiddette “pagine Vetrina” che in linea di principio sono strutturate come i profili aziendali e vengono anche create nello stesso modo. Questa tipologia di pagina serve a dare particolare risalto ad alcune offerte specifiche da voi determinate. Così facendo siete in grado di dedicare una pagina separata al vostro marchio, prodotto o servizio speciale.

Grazie a LinkedIn Ads potete persino raggiungere ulteriori utenti. A questo scopo la piattaforma offre tre possibilità:

  • Contenuto sponsorizzato
    Se promuovete ulteriormente i vostri contenuti, allora questi verrano mostrati anche agli utenti che non sono abbonati al vostro profilo aziendale. In questo modo potete ampliare enormemente il raggio di azione del vostro content.
  • Annunci
    Su LinkedIn avete anche la possibilità di attivare la pubblicità classica. Questa appare sul bordo in alto o a destra della pagina web.
  • Sponsored InMail
    Con questa opzione potete inviare messaggi specifici per il target. La posta informativa apparirà direttamente nella casella personale della persona iscritta.

 

 

Recruiting: trovare i giusti dipendenti

Come piattaforma per la carriera, LinkedIn è anche un buon punto di partenza per cercare nuovi dipendenti. Servendovi di un annuncio sul network di mercato del lavoro sarete in grado di raggiungere molti lavoratori specializzati: il vostro annuncio viene proposto agli utenti adatti e la posizione vacante è mostrata sul vostro profilo aziendale.

Per promuovere una posizione lavorativa cliccate sull’icona “Tu” presente sulla barra di navigazione e selezionate “Pubblicazioni offerte di lavoro” dal menu a tendina. A questo punto LinkedIn vi rimanda alla sezione “in JOBS”, dove dovete inserire i dati fondamentali dell’annuncio: ovvero il nome dell’azienda, la posizione lavorativa e il luogo. A seguire vi verranno richiesti tutti i dettagli relativi all’annuncio, per cui potrete farvi guidare dalle proposte automatiche del sistema. Indicate fino a tre funzioni lavorative della professione in questione così da facilitare a LinkedIn l’inoltro dell’annuncio ai giusti utenti. Inoltre vanno inseriti anche la tipologia di occupazione (full-time/part-time, stage), il livello e infine anche una descrizione esplicativa della posizione lavorativa offerta. Per concludere selezionate la modalità di candidatura, se via posta elettronica o rimandando a una pagina esterna, e procedete con la pubblicazione dell’annuncio.